TAEG

Cosa è il TAEG? A cosa serve e come viene calcolato?

La sigla TAEG sta per Tasso annuo effettivo globale. E’ anche noto come ISC (Indice Sintetico di Costo).

Il TAEG è espresso in percentuale e indica il costo reale di un finanziamento, comprendendo tutte le spese accessorie.

Proviamo a spiegare in parole semplici cosa è, facendo un esempio pratico.

Innanzitutto facciamo chiarezza su un argomento fondamentale: il TAEG non è il tasso annuo del mutuo. Un mutuo a tasso fisso, pari al 5% annuo, può avere un TAEG maggiore del 5%. Perchè?

Mentre il tasso annuo (TAN) tiene conto delle sole spese per gli interessi, il TAEG tiene conto anche di tutte le spese accessorie che un mutuo prevede:

  • spese di istruttoria della pratica
  • commissioni d’incasso
  • assicurazioni obbligatorie

Queste spese, se sono alte, incidono non poco sul TAEG, che quindi è un ottimo indicatore per capire quale mutuo conviene. Può accadere infatti che un mutuo abbia un tasso annuo più basso, ma spese accessorie molto onerose. In questo caso, controllando il TAEG, si scoprirebbe il suo vero costo.

Fate attenzione, perchè, per legge, ci sono spese che le banche non includono nel calcolo del TAEG ma che, spesso, esistono (bolli, tasse, assicurazioni non obbligatorie).

Il calcolo del TAEG non è semplice: non è una semplice formula, ma è il risultato di un calcolo iterativo che tiene conto di tutti i flussi di cassa periodici.

 

Leggi tutto su: Glossario,

Ricevi giornalmente i nostri articoli

Ti piace l'articolo? Condividi!

Ti piace il nostro sito? Seguici!

Attiva i nostri Feed!
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>