Spread

Lo spread di un mutuo, in parole semplici, corrisponde al guadagno che la banca realizza.

I mutui, in particolare quelli a tasso variabile, sono indicizzati ad un paramentro di riferimento (di solito Euribor per il variabile ed Eurirs per il fisso). I tassi di riferimento sono di solito tassi interbancari, ovvero tassi a cui le banche si rifinanziano tra di loro.

Nel momento in cui la banca presta il suo denaro, applica una maggiorazione a questo tasso, in modo da ottenere il margine di guadagno desiderato. Tale maggiorazione è detta, appunto, spread.

Lo spread riflette il rischio che la banca si accolla nel prestito del denaro (si rimanda a questo articolo per una analisi maggiore).

Spesso hanno uno spread maggiore le seguenti categorie di mutui:

  • mutui a lunga durata  (perchè più rischiosi nel rimborso)
  • mutui con alto Loan To Value
  • mutui con opzioni aggiuntive (es. possibilità di salto rata, mutui con cap

 

Aggiungi commento