Ribor

Ribor è l’acronimo di Rome Interbank Offered Rate.

Il Ribor era un tasso d’interesse che veniva calcolato come media semplice delle 10 migliori quotazioni lettera, di importo superiore a 5 miliardi, rilevate a mezzogiorno sul mercato interbancario dei depositi (MID) dall’ATIC.

In Italia, questo tasso rappresentava il principale parametro di indicizzazione dei mutui a tasso variabile in Lire.

Dopo la nascita dell’euro, undici Paesi europei, usando di fatto la stessa moneta, hanno creato l’Euribor (dal 4 gennaio 1999), tasso interbancario europeo valido oggi per tutta l’area euro.

Come facilmente comprensibile, essendoci ancora la Lira, il tasso Ribor era molto più vulnerabile, rispetto ad altri indici, alle speculazioni di mercato: in tal senso, l’introduzione dell’Euribor ha consentito maggiore stabilità dei tassi di interesse.

Basti pensare che dal 1985 fino al 1993 il tasso Ribor non è mai sceso sotto il 10% e ci sono state addirittura punte del 18% !

E’ vero che quelli erano altri tempi, ma comunque questo dovrebbe fare riflettere sulla scelta di un tasso variabile: nulla vieta che questi tassi vengano raggiunti nuovamente in futuro (per il momento comunque si può stare tranquilli).

 

Aggiungi commento