Ipoteca

L’ipoteca è un diritto accordato ad un creditore (per esempio una banca) su un bene immobile o bene mobile registrato.
L’ipoteca che grava su un immobile si applica anche alle sue pertinenze (es. garage, box, etc).

A differenza del pegno, il debitore-proprietario non perde il possesso dell’immobile su cui grava l’ipoteca.

L’esempio pratico è il seguente: colui che accende un mutuo (il debitore) concede alla banca l’ipoteca sull’immobile. Se il debitore non riesce a restituire il mutuo, può accadere che banca entri in possesso dell’immobile e lo rivenda per rientrare dei mancati pagamenti da parte del debitore.

Di solito la somma concordata per il mutuo viene resa disponibile solo dopo la regolare iscrizione dell’ipoteca.

Quando il debito viene saldato, anche l’ipoteca si estingue. A seguito del Decreto Legge n° 7 del 31 gennaio 2007 (Decreto Bersani) è stata istituita una procedura semplificata di cancellazione dell’ipoteca: è stato abolito l’obbligo di autentica notarile per la cancellazione dell’ipoteca. L’istituto creditore (che ha concesso il mutuo) è tenuto a comunicare entro 30 giorni, anche direttamente, l’avvenuta estinzione del mutuo alla conservatoria, che provvede d’ufficio alla immediata cancellazione dell’ipoteca senza autentica notarile.

Aggiungi commento