Diffida ad Adempiere

Diffida ad Adempiere

In parole semplici, la Diffida ad Adempiere è una dichiarazione scritta, con cui una parte intima all’altro contraente di rispettare un suo obbligo. Se la controparte non adempie il suo obbligo, il contratto si intende risolto.

Nella dichiarazione scritta occorre indicare un congruo termine, non inferiore a 15 giorni, entro cui si intima l’adempimento. Può essere indicata una scadenza di durata inferiore, se questa è frutto di un accordo tra le parti. Va inoltre espressamente dichiarato che, oltre questo termine, il contratto viene risolto se la controparte risulta ancora inadempiente.

A differenza della costituzione in mora (caso in cui il contratto rimane in essere), nel caso di diffida il contratto può essere sciolto unilateralmente senza l’intervento di un giudice.

In caso di risoluzione del contratto, è possibile  comunque rivolgersi all’autorità competente per ottenere l’eventuale risarcimento del danno dovuto all’inadempimento.

Chiaramente, colui che diffida la controparte ad adempiere, non deve ostacolare tale processo di adempimento, altrimenti l’effetto risolutorio del contratto non si realizza.

 

Aggiungi commento