Detrazioni fiscali per riqualificazione energetica: 65% fino a fine anno

Detrazioni fiscali per riqualificazione energetica: 65% fino a fine anno

La riqualificazione energetica degli edifici permette un risparmio futuro e può essere realizzata con incentivi fiscali

Incentivi governativi per la green energy

Detrazioni fiscali per riqualificazione energetica: sono pari al 65% per il periodo che va dal 6 giugno 2013 fino a fine anno (nel caso di privati). Nel caso invece di interventi su parti comuni di edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, la detrazione del 65% si applica fino al 30 giugno 2014.

Si rischia di fare confusione tra i vari periodi a cui corrispondono aliquote diverse. Volendo fare un riassunto, la situazione è la seguente:

  • Detrazione del 55% fino al 6 giugno 2013
  • Detrazione del 65% fino al 31 dicembre 2013 (per i lavori condominiali fino al 30 giugno 2014)
  • Detrazione del 36% successivamente

Per verificare il periodo di competenza fa fede la data di pagamento, che deve essere sempre tracciabile (si consiglia quindi il pagamento con mezzi convenzionali, come il bonifico bancario).

Spese oggetto di detrazione

La detrazione spetta per le spese sostenute e rimaste a carico del contribuente. Se la spesa è già coperta da incentivo (ad esempio comunale), la detrazione non è ammessa. Possono essere detratte spese relative ai seguenti lavori:

  • Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti. Il valore massimo della detrazione è pari a 100.000 euro
  • Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro.
  • Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. Il valore massimo della detrazione è di 60.000 euro
  • Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione. La detrazione spetta fino a un valore massimo di 30.000 euro
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro
  • Interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro

Ognuno dei punti sopra indicati deve essere comunque realizzato entro certi limiti tecnici ed entro parametri pre-stabiliti.

In ogni caso, la fonte ufficiale delle informazioni è l’Agenzia delle Entrate.

 

Aggiungi commento