Demanio

Cosa è il demanio? A chi appartengono i beni del demanio?

Il demanio è l’insieme dei beni che appartengono ad uno Stato.

Il Codice Civile italiano (art. 822 e seguenti) sancisce che il demanio è costituito da lidi, spiagge, porti, fiumi, torrenti, laghi. Sono demanio pubblico anche le opere destinate alla difesa nazionale.

Se appartengono allo Stato, fanno parte del demanio pubblico anche strade, autostrade, ferrovie, aerodromi, acquedotti.

Sono compresi nel demanio gli immobili riconosciuti d’interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico a norma delle leggi in materia. Appartengono allo Stato anche le raccolte dei musei, delle pinacoteche, degli archivi, delle biblioteche.

Alcuni beni possono anche appartenere alle regioni, alle province o ai comuni (si parla in questo caso di demanio regionale, provinciale o comunale). Anche in questo caso, comunque, i beni sono soggetti al regime del demanio dello Stato.

I beni del demanio pubblico sono inalienabili. Non possono essere venduti (se non in forza di una specifica nuova legge) e non possono formare oggetto di diritti a favore di terzi, se non nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi. Al più possono esistere concessioni demaniali e autorizzazioni temporanee ad occupare aree demaniali.

Sui beni demaniali si esercita l’uso pubblico, cioè la collettività ne può godere i benefici direttamente (come nel caso delle spiagge o dei musei) o indirettamente (nel caso dei porti o degli aeroporti).

(Fonte: Wikipedia)

 

Aggiungi commento