Confronto offerte prestiti – Maggio 2015

  
  

Molteplici sono le possibili motivazioni per richiedere un prestito. Presentiamo di seguito un riepilogo delle migliori offerte per le finalità più diffuse

La concessione di un prestito, rispetto a quella di un mutuo, avviene in tempi molto più ridotti.

Questo però non significa che ottenere un prestito sia più semplice: occorre sempre fornire una serie di garanzie in modo da essere giudicati dei buoni pagatori.

Il mondo dei prestiti è meno complesso di quello dei mutui, tuttavia è bene informarsi comunque approfonditamente, riconoscendo così eventuali costi nascosti, che non vengono compresi nel tasso (ma che compaiono invece nel Taeg).

Di seguito proponiamo una semplice tabella che espone, per il mese di Maggio 2015, una panoramica di quelli che sono i Taeg più convenienti sul mercato (la fonte è PrestitiOnline.it).

  
  

La simulazione è fatta con i seguenti parametri:

  • Prestito di 5.000 euro
  • Età cliente: 30 anni
  • Lavoro a tempo indeterminato da 3 anni.

Finalità 1 anno 2 anni 3 anni 5 anni
Ristrutturazione
casa
4,40%
(Taeg 6,25%)
5,70%
(Taeg 5,85%)
5,70%
(Taeg 5,85%)
5,70%
(Taeg 5,85%)
Liquidità 8,60%
(Taeg 9,60%)
5,30%
(Taeg 8,96%)
8,60%
(Taeg 9,23%)
8,60%
(Taeg 9,15%)
Arredamento 4,40%
(Taeg 6,25%)
4,40%
(Taeg 5,99%)
4,40%
(Taeg 5,90%)
5,65%
(Taeg 6,00%)
Auto nuova
o Km zero
6,10%
(Taeg 6,91%)
6,25%
(Taeg 6,43%)
6,25%
(Taeg 6,43%)
6,25%
(Taeg 6,43%)
Auto usata 6,10%
(Taeg 6,91%)
6,25%
(Taeg 6,43%)
6,25%
(Taeg 6,43%)
6,25%
(Taeg 6,43%)
Consolidamento
debiti
4,60%
(Taeg 9,63%)
4,20%
(Taeg 7,77%)
5,10%
(Taeg 8,08%)
11,00%
(Taeg 11,78%)

 

Per cifre inferiori, possono essere richiesti tassi più alti. Verificatene sempre la convenienza! Chiedendo somme ridottissime, inoltre, le spese fisse hanno un peso percentuale molto più elevato e, a volte, potrebbe non avere nemmeno senso chiedere un prestito così costoso.

 

  
  
  

Commenti