Bonus energia del 55%, al via la proroga

Bonus energia del 55%, al via la proroga

Prevista la proroga del bonus energia del 55% e l’obbligatorietà della certificazione energetica degli edifici.
Bonus energia 55%

Bonus energia 55%

Il Governo stà lavorando per finalizzare un decreto legge che consenta di rifinanziare fino a fine anno l’incentivo relativo all’energia del 55% e che renderà obbligatoria la certificazione energetica degli edifici.
L’urgenza del decreto nasce da due motivi:
1. Chiudere la procedura di infrazione avviata dalla Commissione europea contro il nostro Paese per il mancato recepimento della direttiva 2010/31/UE;
2. Rinnovare l’incentivo che altrimenti vedrebbe la sua scadenza il 30 giungno.

Cosa chiede la Comunità europea nella direttiva ?

La direttiva 2010/31/UE impone l’obbligo di certificazione energetica degli edifici.

 

Cosa succede se l’incentivo non viene prorogato ?

Se il bonus energia non viene prorogato scade il 30 giugno, con effetto che la detrazione, che attualmente è del 55% su tutti gli interventi di miglioramento energetico, passi al 36% solo per alcune misure di risparmio energetico.

 

Come si intende applicare l’incentivo ?

L’idea allo studio è quella di limitare il bonus ai soggetti che non godano già di altri incentivi fiscali.

 

Budget previsto ?

L’esborso previsto per l’erario dovrebbe essere di 80 milioni di euro per i prossimi sei mesi.

 

Cosa è previsto per il futuro ?

Dal 1 gennaio 2019 i nuovi edifici utilizzati delle pubbliche amministrazioni dovranno essere realizzati a energia “quasi zero”. L’obbligo sarà esteso a tutti i nuovi edifici dal 1 gennaio 2021.
La certificazione varrà 10 anni e dovrà essere aggiornata in caso di lavori strutturali.
I privati hanno l’obbligo di effettuare la certificazione energetica dell’edificio nel momento di una vendita o un affitto.

 

Sanzioni per chi non rispetta gli obblighi

Per il professionista abilitato che non rispetta le metodologie previste potrà essere multato da 700 a 4.200 euro.
Il direttore dei lavori che non presenta al Comune il certificato di conformità multa da 1.000 a 6.000 euro.
Chi non fornisce all’affittuario l’attestazione energetica potrà pagare una multa da 300 a 1.800 euro.

 

Aggiungi commento