Assicurazione dei crediti all’export | Internazionalizzazione imprese

  
  
Internazionalizzazione imprese. La finalità dell’assicurazione dei crediti all’export è quella di assicurare le imprese italiane dai rischi politici, catastrofici, economici e di cambio.
Internazionalizzazione: Assicurazione dei crediti all'export

Internazionalizzazione: Assicurazione dei crediti all’export

Per tutelare le imprese italiane che decidono di investire all’estero, sono state definite delle norme per regolare la copertura assicurativa contro i rischi politici, catastrofici, economici, commerciali e di cambio.

Assicurazione dei crediti all’export: le norme

Decreto legislativo 31 marzo 1998 n.143 e disposizioni del Decreto legge 27 maggio 1999, n.170.

L’operatore principale che si occupa della gestione delle assicurazioni sui rischi commerciali è la Sace, l’ente pubblico economico sottoposto alla vigilanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze. L’ente si rivolge a tutti gli operatori nazionali, agli esportatori ed investitori italiani all’estero (per il credito fornitore) e alle banche italiane, estere ed alle finanziarie non nazionali.

Credito fornitore

La polizza di credito fornitore è lo strumento grazie al quale le imprese italiane possono garantirsi contro uno o più rischi cui vanno incontro nell’esportazione di merci, nella prestazione di servizi o nell’esecuzione di lavori all’estero. La domanda di copertura assicurativa deve essere presentata prima di avviare l’esecuzione del contratto.
La polizza è costituita dalle condizioni generali di polizza (Ggp) applicabili a tutte le operazioni, dalle condizioni speciali di polizza (Csp), specifiche dei singoli rischi assicurati e dalle condizioni particolari di polizza (Cpp), relative all’operazione assicurata. La copertura massima concedibile è del 95%.

  
  

Credito acquirente

Con il credito acquirente si fa riferimento a tutte le operazioni effettuate da un intermediario finanziario che si impegna a pagare i fornitori in contanti per conto degli acquirenti / mutuatari, i quali, a loro volta sono obbligati a rimborsare gli Istituti di credito con pagamenti dilazionati.

La polizza credito acquirente assicura i crediti, a breve e a medio lungo termine concessi da istituti bancari italiani o esteri a Stati o banche centrali esteri, a banche, enti o imprese pubblici o privati di Paesi esteri destinati al pagamento di esportazioni italiane o attività ad esse collegate, prestazioni di servizi, esecuzione di lavori, studi e progettazione all’estero da parte di imprese nazionali.

Il premio assicurativo è del 15% e sarà dovrà essere pagato entro 30 giorni dall’emissione della polizza, il restante 85% dovrà essere versato all’atto della prima erogazione.

I rischi finanziati da Sace

Rischio di produzione;
rischio di credito;
rischio di escussione di fideiussioni;
rischio di mancata restituzione di cauzioni, depositi e anticipazioni;
rischio di distruzione, requisizione, confisca

Procedura per richiedere l’assicurazione

Le richieste devono essere fatte attraverso appositi moduli disponibili presso la Sace, la Viscontea (Compagnia di Assicurazioni e Riassicurazione s.p.a.) e il sistema bancario.
Per le operazioni inferiori ai 258.000 euro non viene richiesto nessun importo.

  
  
  

Commenti