Articolo 10 – Disposizioni in materia di politiche previdenziali e sociali

Articolo 10 – Disposizioni in materia di politiche previdenziali e sociali

Decreto Lavoro 2013

Articolo 10 - Decreto Lavoro 2013

Articolo 1 del Decreto Lavoro 2013

Comma 1.
Sino alla nomina degli altri componenti della Commissione per la vigilanza sui fondi pensione di cui all’articolo 18, comma 3, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, nella composizione ridotta dall’articolo 23, comma 1, lettera g), del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2001, n. 214, il componente in carica alla data di entrata in vigore del presente decreto, continua ad assicurare lo svolgimento di tutte le funzioni demandate da norme di legge e di regolamento alla predetta Commissione.

[jbox vgradient="#ffffff|#ffffff" shadow="0" radius="0" jbox_css="clear:both; margin-top: 20px; font-style:italic; font-size: 18px" icon="/img/ctt.jpg" icon_css="background-color: transparent; padding-top: 0px;" content_css="padding: 0 0 0 90px;"]
Decreto lavoro 2013 – Disposizioni in materia di politiche previdenziali e sociali
[/jbox]

Comma 2.
All’articolo 7-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.252, dopo il comma 2 e’ aggiunto il seguente:

“2-bis. Qualora i fondi pensione di cui al comma 1 che procedono alla erogazione diretta delle rendite non dispongano di mezzi patrimoniali adeguati in relazione al complesso degli impegni finanziari esistenti, le fonti istitutive possono rideterminare la disciplina, oltre che del finanziamento, delle prestazioni, con riferimento sia alle rendite in corso di pagamento sia a quelle future. Tali determinazioni sono inviate alla Covip per le valutazioni di competenza. Resta ferma la possibilita’ che gli ordinamenti dei fondi attribuiscano agli organi interni specifiche competenze in materia di riequilibrio delle gestioni.”

Comma 3.
A decorrere dal 1° gennaio 2014, le attivita’ di cui all’articolo 1, ultimo comma, del decreto-legge 30 dicembre 1979, n.663, convertito dalla legge 29 febbraio 1980, n. 33, sono gestite direttamente dall’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, che subentra nei relativi rapporti attivi e passivi. Entro il 30 giugno 2014 l’INAIL provvede a fornire all’INPS il rendiconto di chiusura al 31 dicembre 2013 delle gestioni delle relative attivita’ ai fini delle conseguenti regolazioni contabili.

Comma 4.
L’INPS provvede alle attivita’ di cui al comma 3 con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente.

Comma 5.
All’articolo 14-septies del decreto-legge 30 dicembre 1979, n.663, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 febbraio 1980, n.33, dopo il sesto comma, e’ inserito il seguente: «Il limite di reddito per il diritto alla pensione di inabilita’ in favore dei mutilati e degli invalidi civili, di cui all’articolo 12 della legge 30 marzo 1971, n. 118, e’ calcolato con riferimento al reddito agli effetti dell’IRPEF con esclusione del reddito percepito da altri componenti del nucleo familiare di cui il soggetto interessato fa parte».

Comma 6.
La disposizione del settimo comma dell’articolo 14-septies del decreto-legge 30 dicembre 1979, n. 663, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 febbraio1980, n. 33, introdotta dal comma 5, si applica anche alle domande di pensione di inabilita’ in relazione alle quali non sia intervenuto provvedimento definitivo e ai procedimenti giurisdizionali non conclusi con sentenza definitiva alla data di entrata in vigore della presente disposizione, limitatamente al riconoscimento del diritto a pensione a decorrere dalla medesima data, senza il pagamento di importi arretrati. Non si fa comunque luogo al recupero degli importi erogati prima della data di entrata in vigore della presente disposizione, laddove conformi con i criteri di cui al comma 5.

Comma 7.
All’articolo 2, comma 1, del decreto-legge 10 ottobre 2012, n.174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre 2012, n.213, dopo le parole: “diversi da quelli destinati al finanziamento del servizio sanitario nazionale” sono inserite le seguenti: “, delle politiche sociali e per le non autosufficienze”.

Aggiungi commento